• Vita da Locandiera

    #vitadalocandiera – La Signora M.

    Un paio di anni fa, una signora anziana che viveva da sola in un appartamento dall’altra parte della strada, venne trovata senza vita in casa, la vicina non la vedeva da un paio di giorni. L’ultima cosa che aveva fatto era stato lavarsi i capelli nella vasca. La ricordavo poco, quando la incontravo nei dintorni era vestita sempre benissimo, tutta abbinata. Qualche giorno dopo prenotarono al b&b due donne, erano le nipoti venite a sbrigare le ultime faccende, tra cui liberare la casa dalle sue cose.Suggerii loro uno svuotacantine, perchè mi dissero di essersi perse tra le cose da dare via della zia. Capita che mi metto a disposizione, in…

  • facebook

    Confidare

    AmichE Stasera voglio confidarmi con voi. Ieri e oggi sono state giornate molto piene. Piene di cose da fare, di questioni da sbrigare, soluzioni da trovare e soprattutto impicci burocratici da affrontare. Bollette, Assicurazione, Agenzia delle Entrate, Spid, PEC, bibliografie, spesa per il BnB, ospiti, fatture, volontariato, attenzione, connettere, ascoltare, ascoltare, ascoltare, contatto referente, persona di fiducia, figli, famiglia.Molte di queste cose non riguardavano direttamente me ma altri, cose di cui loro non si sarebbero occupati o perché non ne sono veramente in grado o perché lo avrebbero fatto con tempi molto lunghi o perché, più semplicemente, ci sono io che tanto le avrei fatte (proprio per quei motivi…).Mi torna in…

  • facebook

    Fast food di un centro commerciale.

    Fast food di un centro commerciale.Pausa pranzo di un giorno qualunque.Poche persone. La maggior parte guarda il telefono mentre mangia.Davanti a me una madre che non mangia e guarda il telefono, con figlio che mangia e guarda il telefono.A destra, madre che mangia e guarda il telefono, bambina che mangia guardando il telefono, padre che guarda fuori dalla finestra.A sinistra quattro colleghi, hanno già pranzato, una guarda il telefono, un altro pure, gli altri due parlano tra loro e hanno il telefono in mano.Io non lo so che mondo state costruendo.E dico “state” volutamente, perché in genere non mi tiro mai fuori dal gioco delle responsabilità condivise, lo sapete.Ma questa…

  • facebook

    La pazienza

    Come esercitare la pazienza? Preparando la marmellata di mandarini cinesi. Ogni volta mi dico che è l’ultima e poi mi ritrovo, di nuovo, a raccoglierli, tagliarli a fettine e togliere una quantità spropositata di semi. Uno per uno.E quest’anno li ho anche messi in terra, che magari qualcuno mette su due foglioline.Ah, la marmellata è buonissima.

  • facebook

    Ieri come oggi, n’importe quoi, all’amore è necessario brindare.

    Ieri come oggi, n’importe quoi, all’amore è necessario brindare. Che, come diceva il poeta, è sempre meglio aver amato e perso, che non aver mai amato. E se per caso capita che una gocciolina salata scappi dagli occhi, socchiusi per il tanto sole, almeno che si dissolva in un vino rosso rosso, comprato dagli amici del bar in piazza, in un silenzio di paese che obbliga a stare zitti. In silenzio e lentamente. Piano, piano. Non abbiate paura della malinconia o della nostalgia. Sono solo il ricordo di una felicità. Lo disse anche il solito poeta di prima. È così ogni anno, da soli due anni, e per ricordi diversi.…

  • Elsewhere,  Pensare

    #23 Elsewhere

    Svegliarsi, viva. Guardare i gatti che giocano, mentre bevo il caffè preparato con la caffettiera gialla da una tazza. Sorridere. Raggiungere un’amica per ricevere una copia di un libro appena pubblicato in cui ho scritto anch’io. Prendere mia madre dal parrucchiere e vederla bella. Guardare dove ha posteggiato. Comprare le alici dal suo pescivendolo e prepararle a cotoletta per il pranzo. Comprare un lilium giallo dalla fioraia che sta sulla strada di casa. Guardare lo specchietto e vedere il mio viso che sorride. Prendere un caffè con un’amica al piccolo bar della traversa accanto, quello con le due ragazze carine. Sorridere ancora. Guardare Carlo che prepara il gulasch per la…

  • Il Banchetto della Felicità

    “Un filo che unisce: aiuta l’associazione Abakhi con Sciarpetta”

    “Un filo che unisce: aiuta l’associazione Abakhi con Sciarpetta” https://www.paypal.com/pools/c/8ZQ8g6ZD13 7 dicembre 2023 -24 GIORNI e €20 raccolti…forza! Ma che cos’è la Casa di Benedetta? L’ho chiesto ai volontari dell’associazione Abakhi: “Casa di Benedetta è una comunità residenziale per minori. Dal 2020 ha accolto minori con forme di disagio e/o a rischio devianza e proprio da quest’anno accoglierà anche i minori provenienti dal circuito penale. Sviluppiamo insieme ai ragazzi dei percorsi per accrescere le life skills, in diversi campi: la formazione, con percorsi scolastici o professionalizzanti, e laboratori vari che vanno dallo sport, all’orto sociale passando per la creazione di oggettistica equo-solidale, arte-terapia e laboratori di confronto su tematiche di…

  • Pensare

    Safe!

    Qualche giorno fa ho partecipato ad un incontro organizzato dal nodo territoriale di NUDM di Reggio Calabria (vedi qui) e nel corso del dibattito, che è stato poco prima del 25 Novembre, è venuta fuori la necessità, da parte delle donne, di avere degli strumenti che possano aumentare il nostro senso di sicurezza, soprattutto quando ci troviamo in strada da sole. E dire che una grande mano d’aiuto la darebbe una campagna seria e fattiva di potenziamento dell’illuminazione pubblica, ma tant’è…A volte sembra che le pazze siamo noi…tutte intrappolate in questa isterica lotta contro il patriarcato. In verità, io credo che potremmo anche metterlo un attimo da parte, il patriarcato,…